STATUTO

COMITATO ECONOMALE SARDEGNA MOVIMENTO 5 STELLE

Articolo 1 – Finalità

1) Il Comitato non ha finalità lucrative. Le eventuali sopravvenienze attive non possono essere ripartite anche indirettamente.

2) Il Comitato non ha natura politica e pertanto non esprime opinioni politiche, non partecipa a dibattiti politici, non rilascia dichiarazioni e interviste in nome e per conto del Movimento 5 Stelle. Detto precetto è immutabile e non può essere oggetto di modifica statutaria.

3) Il Comitato ha come unico scopo quello di strumento operativo per la raccolta e la gestione delle risorse economiche atte alla realizzazione di iniziative quali tavole rotonde, seminari, assemblee regionali o territoriali, incluse attività di formazione e coinvolgimento, a favore degli iscritti al Movimento 5 Stelle residenti in Sardegna.

4) Il Comitato acquisisce beni e servizi necessari per il suo funzionamento e la realizzazione delle iniziative deliberate. I beni durevoli acquisiti di norma sono affidati in comodato d’uso gratuito ai gruppi locali degli iscritti del Movimento 5 Stelle.

In caso di scioglimento del Comitato detti beni sono ceduti definitivamente al comodatario, senza alcuna contropartita e pretesa.

5) Il Comitato si prefigge, altresì, di redigere le richieste per permessi e autorizzazioni per la realizzazione di manifestazioni collaterali, sportive, culturali o di spettacolo sul territorio regionale, su proposta degli eletti a nome del Movimento 5 Stelle e dei gruppi locali di iscritti al Movimento 5 Stelle, previa verifica della fattibilità, sia in termini di legge e regolamentari che di copertura contabile.

6) Il Comitato può disporre, per specifica richiesta dei donatori, di gestire separatamente risorse economiche destinate all’acquisto di beni e servizi a favore di determinati gruppi locali di iscritti al Movimento 5 Stelle per la realizzazione delle proprie attività; in caso di scioglimento del Comitato le eventuali eccedenze così vincolate saranno ricondotte nell’unica partita di sopravvenienza attiva del conto finale.

Articolo 2 – Domicilio

Il Comitato ha sede legale in Cagliari. Il trasferimento della sede sociale, sentito il parere del consiglio direttivo, avviene con deliberazione dell’Assemblea e non comporta modifica statutaria. Il Comitato per le attività di coordinamento e degli obblighi pubblicisti di legge, può avvalersi di uno sito web intestato al medesimo, dedicato con l’esclusiva finalità informativa delle proprie attività e di richiamo delle iniziative promosse dallo staff nazionale che riguardano la Sardegna. E’ possibile trasferire il coordinamento del Comitato in corrispondenza di un altro indirizzo web nel caso se ne riscontri l’esigenza senza obbligo di apportare modifica del presente statuto.

A tutti gli effetti i soci di diritto ed i promotori si intendono domiciliati presso il Comitato.

Articolo 3 – Durata

Il Comitato ha durata a tempo indeterminato. Potrà sciogliersi nel caso si verificasse l’impossibilità di raggiungimento dello scopo sociale, oppure su disposizione degli organi di vertice del Movimento 5 Stelle per assegnazione degli scopi sociali del Comitato a diverso soggetto o per riorganizzazione territoriale o per altro specifico motivo.

Articolo 4 – Organi

Organi del Comitato sono

  • il Consiglio Esecutivo composto da: Presidente, Consigliere esecutivo e Tesoriere
  • l’ Assemblea dei soci.

Articolo 5 – Assemblea dei soci

1) Componenti dell’Assemblea sono i soci promotori. Possono essere soci, su esplicita richiesta, i Facilitatori Regionali della Sardegna del Movimento 5 Stelle non promotori. Tutti componenti dell’Assemblea hanno pari diritto di voto.

2) Nel caso in cui uno dei soci decada dall’incarico di Facilitatore Regionale, per scadenza, rinuncia o altro motivo, questi sarà sostituito dal successivo nominativo nella graduatoria per preferenze, pubblicata sul portale “https://rousseau.movimento5stelle.it”, dell’area di appartenenza: affari esterni, affari interni, formazione e coinvolgimento. Qualora, a seguito di riorganizzazione dei ruoli del Movimento 5 Stelle, venisse eliminata la figura di facilitatore regionale, l’Assemblea delibererà sulla modifica statutaria dei requisti di adesione, del numero dei soci e, occorrendo, lo scioglimento del Comitato.

3) L’ammissione del socio subentrante è soggetta a preventiva accettazione delle finalità di cui agli artt. 1 e 2 del presente statuto.

4) In presenza di contrattempi di qualsiasi natura, che impediscano l’ammissione del socio subentrante di cui al precedente comma 2 e fino alla cessazione degli stessi, al fine di garantire il numero di tre soci aderenti, l’Assemblea potrà individuare ed ammettere provvisoriamente un’altra persona iscritta al Movimento 5 Stelle e che ottemperi al precedente comma 3.

5) L’Assemblea è convocata almeno una volta all’anno per approvare il rendiconto entrate/uscite e per il rinnovo o la riassegnazione degli incarichi in seno al Consiglio Esecutivo. Il rendiconto deliberato sarà reso pubblico a norma di legge. L’esercizio contabile decorre dal 1° gennaio al 31 dicembre.

6) L’Assemblea è convocata dal Consiglio Esecutivo o su richiesta di uno dei soci per deliberare modifiche statutarie, decadenze e subentri dei soci, scioglimento anticipato, liquidazione e cessazione del Comitato.

7) Le deliberazioni riguardanti l’attività del Comitato e la modifica delle nomine dei membri del Consiglio Esecutivo, vengono prese a maggioranza dei presenti.

8) Per le modifiche al presente statuto è necessaria la partecipazione di tutti i soci e sono valide solo in caso di unanimità.

9) E’ valida la convocazione dell’assemblea, nonché le deliberazioni da essa adottate, che si svolgono per video o teleconferenza tra i soci purché venga prodotto verbale approvato al termine delle stessa o alla successiva convocazione. All’occorrenza i verbali saranno sottoscritti con firma digitale da tutti i partecipanti. Sono valide le assemblee con la presenza di tutti i soci anche in assenza di convocazione.

10) Non è prevista alcuna indennità per i soci dell’Assemblea. Sono, tuttavia, rimborsate eventuali spese di trasferta (viaggio, vitto e alloggio) in località distanti almeno 100 km dalla propria residenza, quando è richiesta la partecipazione per le iniziative deliberate oppure per le convocazioni disposte fuori regione dai vertici del Movimento 5 Stelle. I rimborsi sono erogati dal Tesoriere dietro presentazione di valida pezza giustificativa.

Articolo 6 – Il Consiglio Esecutivo

1) Il Consiglio Esecutivo dura un anno, salvo diversa decisione dell’Assemblea. Gli incarichi possono essere rinnovati.

2) La cariche di Presidente e Tesoriere possono essere svolte solo dai Facilitatori Regionali.

3) Il Consiglio Esecutivo si riunirà secondo le necessità, su convocazione di uno dei componenti, tramite avviso contenente l’ordine del giorno, almeno ventiquattro ore prima della convocazione. Sono comunque valide le riunioni con la presenza di tutti i membri del Consiglio Esecutivo anche in assenza di convocazione.

4) Resta esclusa la possibilità da parte dei componenti del Consiglio Esecutivo, di trarre dall’attività svolta un lucro personale.

5) A ciascuno dei componenti del Consiglio Esecutivo spetta la rappresentanza del Comitato di fronte ai terzi ed in giudizio, con tutti i poteri, nessuno escluso, che da tale rappresentanza legale derivano.

6) Il Consiglio Esecutivo provvede all’esecuzione delle delibere dell’Assemblea. Si rapporta con gli Enti pubblici per adempiere agli obblighi di legge e con soggetti privati ed i terzi in genere per specifica delega dell’Assemblea.

7) Ogni spesa è soggetta all’approvazione del Consiglio Esecutivo con l’esclusione delle spese ripetitive per imposte e tasse, canoni e di gestione dei conti correnti.

8) Sussiste la responsabilità illimitata e solidale di tutti i componenti per le obbligazioni assunte dal Comitato stesso ex art.. 41/1 C.C.

9) E’ valida la convocazione del Consiglio Esecutivo, nonché le deliberazioni da esso adottate, che si svolgono per video o teleconferenza tra i componenti purché venga prodotto verbale approvato al termine delle stessa o alla successiva convocazione. All’occorrenza i verbali vengono sottoscritti con firma digitale.

10) In sede costitutiva del Comitato il Tesoriere è delegato ad ogni effetto di legge in rappresentanza dello stesso Comitato alla sottoscrizione degli atti necessari presso gli Enti fiscali preposti nonché, intestando al Comitato, l’accensione del conto corrente bancario di funzionamento, l’attivazione di una casella PEC, se è prevista la registrazione del dominio web nella denominazione decisa dall’Assemblea.

Articolo 7 – Tesoriere

Il Tesoriere ha il compito di effettuare il rendiconto delle entrate e delle uscite del Comitato e di amministrare il fondo comune fino alla sua estinzione.

1) Il Tesoriere si occupa della movimentazione dei fondi verso le spese del Comitato gestendo il o i conti correnti aperti a tale scopo. Gestisce i rapporti con i fornitori ed acquisisce la documentazione contabile dagli stessi. Tutti i componenti del Consiglio Esecutivo ed i soci dell’Assemblea possiedono le credenziali di accesso dei conti correnti e, in situazioni di necessità, hanno la facoltà di movimentazione dei fondi.

2) Il Tesoriere mantiene il registro dei beni durevoli ceduti in comodato d’uso gratuito.

3) Sulle eventuali eccedenze di bilancio, al momento della estinzione del Comitato per il raggiungimento degli scopi statutari o per il loro venir meno, su decisione dell’Assemblea il Tesoriere provvederà o al trasferimento alla tesoreria del Movimento 5 Stelle e/o ad una o più associazioni di volontariato Onlus e/o ad Enti di assistenza sociale pubblici e privati operanti in Sardegna.

Articolo 8 – Risorse economiche

Il Comitato utilizzerà, per il conseguimento dei suoi fini, non essendo stato precostituito un preciso piano di finanziamento, fondi derivanti da contributi ed elargizioni da parte di persone fisiche, enti pubblici e privati, degli stessi componenti, liberalità e lasciti testamentari. Il Comitato, potrà concludere accordi aventi natura promo-pubblicitaria in nome e per conto del Comitato stesso e finalizzati alla realizzazione di iniziative territoriali del Movimento 5 Stelle e alla raccolta fondi.

Articolo 9 – Norme transitorie

1) I sopraindicati promotori del Comitato, nella fase iniziale, ovvero per gli adempimenti fiscali e contabili necessari, eleggono a formare il Consiglio Esecutivo:

  • nella carica di Presidente Desogus Francesco, che accetta tale qualifica
  • nella carica di Consigliere Esecutore Matta Emanuele, che accetta tale qualifica.
  • nella carica di Tesoriere Murru Maurilio, che accetta tale qualifica.

2) Al termine della fase iniziale, la carica di Presidente è assunta da Murru Maurilio mentre la carica di Tesoriere da Desogus Francesco, che accettano tale previsione.

3) L’Assemblea, entro tre mesi data di costituzione del Comitato, delibererà sulla conferma o sulla riassegnazione degli incarichi del Consiglio Esecutivo. Qualora non deliberasse a riguardo entro tale data, il Consiglio Esecutivo sarà inteso confermato, norma subiecta precedente comma 1 Art.6.

Articolo 10

Per quanto non previsto dal presente atto si fa riferimento alle norme di legge vigenti in materia.

Cagliari, lì 26 giugno 2020

Registrato il 30/06/2020 col n.1590 presso Agenzia delle Entrate – Direzione Provinciale di Cagliari.


Il Consiglio Esecutivo attuale in applicazione dell’art.9 comma 2 dello Statuto:

  • Consigliere presidente Murru Maurilio
  • Consigliere tesoriere Francesco Desogus
  • Consigliere esecutore Matta Emanuele

(pagina aggiornata il 30 Settembre 2020)